"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

12 luglio 2010

6.000 paoli de contravenzione ...cazzu che scoppula!! semo reiti all'era degli esposti


 Lu Commune missu co’ lla Culatta pe’ terra!

‘Na stangata cocì rrossa 'ns’éra mai vista da lle parti nostre!! Porelluzzu lu Sinadacu, chi lo sane quante murte pe’ divieto de sosta ha da fane a lla capitale pe’ remettese a postu?! Se pruprio dovesse servine facemo ‘na collètta extra-communitaria o cedemo a qqua paese vicinu un po' de crapi e ghiallinacci.
Non sarria mancu male la pensata de prestane qua trombone e qua grancassa a lla banda de Ginestra (fa pure rima). Pare però che a remettece sarrau li peteciani, prechè lu Regnante - ‘ncazzatu niru come llu poru Oreste de Barbaruccia - non lascerà ppiùne la paga a lle casse de llù Commune e cocìne se llu piglerrau arretu ‘ssi “porelluzzi” che ce lavoranu. Ma è mmai possibbile che a stu paese la mamma degl’espostori (ognunu li chiami come vòne….) è sempre gravida?! Le cose so ddui: o quessa scopa troppu oppure quissi so vecchi birbanti, magari co’ lla pelle reotata come gl’aseni de Tardonne!!

De securu quallechunu, e pure quallecunaru, ce verrau a ddine che lla sicurezza a llu Commune era troppu poca e che lla vita de lle frotte de turisti che visiteanu lu meseo civicu stea sempre ‘npericolu. E pure quella de lli troppi ‘nmbiecati che ce lavoranu!! Ma non s’era dittu che a llu Commune non ci ssta mmai ‘nanimesante?! Sarà che all’imbrovvisu è scattatu l’amore pe llù paese e lle stanze se so’ regghiembite de ex fannullò (co’ bbona pace de llu Gnomo maleficu, che non è Al Tappone che a llu confronto è rosa e ffiori). Certu che mo’ se sse mette ‘nmmoto lu “torneo degl’esposti” me sa che so volatili amari pe’ tutti quanti, speciarmente pe’ quilli che hau azatu e allargatu in abbusu, quanno non ce nni stea unu che commannèa pe’ ddavero a llu Commune.
Quissu de mo’ a lla capitale ne scopre un rosariu a giornu de abbusi, figuremoce quanti cazzu ne po’ scoprine a Petecia che de abbusivisti ce nni stau prupriu parecchiucci, pure deppiùne de lli lupi de Manasse. E me sane che d’espostiti in abbusu se nne contanu paricchi a Petecia. Chi lu conosce bbene sa’ che quissu non scherza e quanno se ‘ncazza no’ llu ferma mancu ‘na barrozza co ddu’ bboi. Me sa tantu che tocca ‘ncominciane a re-parasse la Culatta …e st’aota a chi tocca non se ‘ngrugna!!!
E’ capace che prima ce fa ‘nculu come tre ore e notte e ppoi magari se nne vane!! Aru che “pistolotti” de lla ri-conciliazione, come ama tantu dìne quarche bardasciu de “belle speranze”!! Me sa tantu che è ghionta l’era de Cornacchia, come diceanu ieri tanti amici e-lettori, cocì li cunti li refacemo pure co’ lli ghiallinacci sbarrubbiti, speciarmente se trini, fantozziani e praticanti de Vergilio.
Chi è d’accordu lo dicesse pure, ma me raccomanno senza urtane le suscettibbilitane de lli trombuni sfiatati, de lli gallopavi ‘nduttivi, de gl’espostiti e de tutti quilli che hau scambiatu Petecia pe’ ‘nfeudo riccu da conquistane a tutti li costi, e lli peteciani pe’ tanti fregnuni a mezzu servizziu e co paca bassa. Se quallecunu penza che ce stemo a ffane propaganda c’ha propriu azzeccatu!! E nui glie responnemo che mo’ semo satirici e ppure propagandistici, pe’ vvia de lli mezzi de communicazzione che tenemo, ma ppure prechè ce ll’hau chiestu gl’amici e-lettori e e-lettrici peteciani.
















Gl'espostimetru petecianu sale alle stelle...so tempi duri pe' tutti,  speciarmente però pe' lli residenti che stau 'nmezzu a sse bande de crapi, pennuti e trombuni sfiatati. Ma manneteli tutti  a ffanculu, tantu quissi, da quarsiasi parte li reggiri e cocìne come stau missi non servu prupriu a gnente e pozzu procurane solu qua danno a llu paese.
Ad majora ...cocìne facemo contentu pure lu ghiallinacciu, che quantu a danni ha già datu tuttu quello che potea dane.