"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

13 luglio 2010

Grave crisi dell'economia locale: chiuso il museo civico


La culatta che hau fattu a llu Sindacu ha missu 'ngrave difficoltà l'economia peteciana, che se reggea  co' llu richiamu turisticu de lla Ripa de llù Montò e, soprattuttu, co llu grande afflussu de ggente a llu museo civicu, chiusu pe' fforza maggiore (anzi de forza) dopu gl'espostu su lla sicurezza de llu Commune. Li dipinti  e lle statue, tutti de rara fattura e fruttu de llù novellu Michelangelu del sud, so' stati  spostati  a 'na località secreta e sicura pe' evitane che ggente de male 'ntenziunu potesse sgrafignasselli e venneselli a llu mercatu niru dell'arte.
Quanno reaprirà(?) ce sse poterrianu mette pure le pennallate de 'nartista nostranu, che spennellava vicinu a llu commune e che accantu a quissu de securu non ce farrìa 'na brutta figura).
'Ssa situazzione porterà 'ngrossu collassu all'economia peteciana che già se lla passea male de propriu. E penzà che eranu stati 'nvestiti sordi pe' ffane le zzebbre pedonali, la toppunomastica, li spotti pubblicitari, li cessi mobbili (no, quilli no, so scomparsi prechè lli peteciani se so'  refatti tutti l'ambolla pisciatoria e lli turistici hau 'mbaratu a fane come faceanu 'nà ota li peteciani, 'nzomma hau scopertu che a Petecia ci stane ancora qua' tracenna.
Se lle 'ntenziuni degl'espostisti eranu (o so' ) quelle de fa' chiude baracca e burattini me sa' tantu che quaccosa hau ottenutu, ma  non hau penzatu a llù dannu che poteanu portane a llu paese. Me sa che a quissi de lli peteciani non gliene frega 'na Mazza (scusame ma non l'hoglio fattu apposta), quissi giocanu a smucchiane, tantu a Petecia ce vau solu pe lli cazzi sei. Ma lli peteciani non so fregnuni come penzanu issi, se nne comincianu a accorge, capisciu chi vone lo bbenne de llu paese e chi none.
Passerau l'ere delle culatte e pure quelle degl'espostisti, e ppoi ce toccherrà recontane le pecore, le crapi e lli crapitti, lli ghiallinacci sbarrubbiti e  ppure quara bestia 'nferocita. 'Na bbona òta li cunti tocca pure falli e pure le carti s'hau da mette 'ntavola. Intantu nui mmischiemo .... con ll'auguriu de non dovè recitane l'ad bestias, se nno ce tocca pure diverticce  a llu Colosseo o, meglio, a lla Ripa de llu Montò!  Auguremoce però de non fenì prima come sottofrazzione de Peraforte. San Felì fatte revedè e sarvace Tu! E se ppoi t'è possibile, co ll'occasione, reportace pure lu Libberu Docente, cocì revedemo pure issu, che ppoi è 'nvotu più cche sicuru!!