"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

19 luglio 2010

Festa della Madonna sottotono. Sfiorato l'incidente diplomatico!

'Na processione ssocì striminzita e sfigata a llu paese nostru non se vedea da tempu. Appressu a lla statua de lla festeggiata ci steanu quattro gatti  o pocu ppiùne. Eranu più bandisti che cristiani. Da lla cima de lla nostra postazzione, appena svortata la curva che immette a llu rettifilu de lla Croce,  aemo 'ndravisti li tre coluri de lla fascia e 'na bella coccia lucidata a festa. Ce credemmo che fosse quella de llu  Sant'Antonio nostru, quella degl'anno passutu. L'aemo fissata pe' 'na cinquantina de metri, quasi contenti che llu podestà se fosse missu 'ncapu a tutti. C'è passata sotto e subbitu aemo dittu che tenemo prupriu 'na bella chirica a llu commannu.
Massera reguardenno bene le foto, che aemo fatte pe' devozzione, ce semo accorti che quella nn'era mica la pelata de llu Lidere massimu (ci steanu 'nmbaru de pili 'nmbiù) ma quella de llu sottopostu. "Cazzu" - ce semo  ditti subbitu - "Me sa che quissi so clonati, so fatti cocì bbbene co llu stampu che visti da sopra sembranu tali e quali, spiccicati come ddu provolùni!  Personalmente me  so chiestu se 'nduttu stu tempu so statu  'nzemmora a llu Capu o 'ncompagnia de llu sotto, o magari de tutti e ddui. Comunque sta' la faccenna non me so' accortu de lla differenza!
Ecco me sa che non ce sse  capisce più gnente, non se sà più da quante coccelustre semo commannati! E se lli probblemi stesseru prupriu 'nquesso? E sse fosse che l'opposizione (quella via, no quella moribonda) se sente abbaggliata da lla riflessione de tutte 'sse chiriche lucide e ffà 'ndo coglio coglio? Certu quilli de prima qua capillu lu teneanu pure, ma 'nmbasta mica qua pilu deppiùne pe fane 'na coccia bbona. Però quello che è ggiustu tocca pure reconosceglielo: lu sotto non c'ha prupriu sfiguratu a lla sostituzzione. Ma allora nui passemo pe' padrò o pe' sotto? Se continuemo cocìne me sa che  ce fau tutti urmi, se bbiu tuttu issi e nnui ce la pigliemo a lloco!!
 Meno male che a ffa repigliane 'nmbo 'ssa festa - a las cinco de la tarde - è statu gl'attaccu de panicu che ss'è sviluppatu tra Sann'Andrea e lla Piazza. La mortitudine de fedeli e pellegrini stea radunata, comprisu prete e Cesare, a Sann'Andrea pe' aspettane lu Messaggeru pontificiu che aea da officiane la liturggia in onore de lla Madonna, che tra ll'aru, oggi,  aea pure da traslocane (aru che festa!! Vorria vedene a vvui se erreste da cambiàne casa ogni tre o quattro mesi! Sembre co' ggente diversa che magari dentro a lla casa fa' fenta de dì ddu' orazziuni e po' appena fori la porta comincia a smadonnane come se facea n'aota,  quanno le bbiastime custavanu pure care, pe' via della murta che te faceanu li carrabbinieri. Ma ppoi te 'nzinocchiai,  aprii lu calendariu e non te custeanu mancu 'na lira l'una. E te lle dicìi prupriu co' gustu - o se lla volemo dìne papale papale - gustu da faleggname).
Repigliemo lu filu de llu discursu. Mentre tutti li devoti (e pure li non devoti, se ci stemmo pure nui e quallecunaru co' lla coccialustra e qua coccarda addossu) 'ntrepidante e festosa attesa de llu porporatu guardeanu 'ncontinuazzione gl'arloggi pe' controllane lu ritardo e magari pure pe' pigliallu 'ncastagna. Ma quillu, 'nvece, pe' corpa de lla toppunomastica troppu modernista che non responnea a llu navigante de lla macchina sea, se trovea già da 'nmpezzu denanzi all'osteria de Cicchettaru (pensenno però de trovasse a Sann'Andrea) solu e 'ncazzatu come 'ncane. E meno male che s'è fattu avanti 'nvecchiu sindacu a carmane gl'animi! E tenèa pure raggione a 'ncazzasse  lu poracciu (se fa pe ddìne). Che  nne potèa sapìne issu che a stu paese lu Capocciu aea refatti li segnali de lle vie. Quallecunu lo dovea  sapìne (armeno lu responsabile de lla coltura) che ssu cristianu, pure se è communitariu e v'è  da 'nu statu confinante (che è patrone de 'nquartu de lle casi de Roma e non ce paga mancu 'na lira de tasse), sempre stranieru è, e pe issu non è cocì facile retroane le vie nostre. Me sa che lla prossima òta ve conviene de aspettallu a lla Cava, cocì non ci sta pericolu de fa scoppiane 'nincidente diplomaticu. E quanno cambiete quaccosa a lle vie communichetelo pe' tempu a tomme tomme. E recordeteve che quissi contanu paricchiu e non vau tantu pe' llo sottile e a metteve 'ncroce non ce mittu prupriu gnente. E sse decidu de favve cascane prima che llo facete vui, potete stane tranquilli prechè è cassazione!!  E nnui li rengrazziemo tantu già da mone, e siccome ce
spiananu pure la via a llu potere, diventemo pure devoti e gridemo: Grazia Madonna, grazia!!