"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

22 giugno 2010

Sensazionale: "la voce satirica di petecia va in pensione"

Finalmente accontetati il Tacchino induttivista e i degni compagni dell'aia! Non è una cornacchiata ma la pura verità. Amici e Non, vi annuncio che a Turania è nato, dopo 35anni, un degno sostituto di Cornacchia. Anche se ancora in rodaggio, riuscirà molto presto a raggiungere i grandi "satirici" italiani per l'ottima perspicacia e le buone doti a mettere in satira le sue osservazioni.
Annuncio, fin da questo momento che, non appena sarà pronto e disponibile, Cornacchia gli cederà, molto volentieri, questo blog per ritirarsi definitivamente a Turania ed occuparsi a tempo pieno dei suoi tanti elettori (questo non è più un lapsus, ma una certezza; ma che dico un tic!), volevo dire dei suoi tanti amici peteciani.   
Anche se questo post farà passare in secondo piano le discussioni de "Il tacchino induttivista" e "La povera vedova" non potevo rimandere la bella notizia!!
E dire che il Tacchino induttivista e la sua congrega davano per morto, appena un paio di giorni fa, questo blog. Per tutta risposta e per fargli "dispetto", metteremo su "La Scuola di Satira Peteciana" , così ne vedremo delle belle!! 
Invito tutti i lettori e tutti i peteciani, ma proprio tutti, ad accoglierlo con entusiasmo, benevolenza  ed incoraggiamento (evitando le solite, inutili e sterili critiche malevole).
Il novello Cornacchia (che dovrà trovarsi uno pseudonimo appropriato) perdonerà il "maestro" se si è permesso di limare qualche piccolissima imperfezione, ma se non è d'accordo inserisco subito l'originale. Benvenuto nel mondo della satira!!
Ecco l'opera prima (almeno credo), gustatevela tutta.

Mammamea tuttu s'è franatu
e pure Osse è minacciatu.
Ma de rimpettu a lli Nostri Monti
è comparsa "Trinità dei Monti".
 
Tra cerque, urmi e biancospino
s'è scopertu l'artarino.
Se llu guardi da llu casale
pare propriu lu Quirinale
sta tranquillu nnè 'nabbagliu
po' sembrà lu Campidogliu.

Lì se sane ci steanu li Galli
ecco invece ci stau li ghialli.
Ma che dico!!! poncio e scialla
'ncima ci sta propriu la ghialla.
Ma gl'abusu pure lu fà
chi sta sempre a condannà!

Caru fronzi t'hau fregatu
lu briccaru hau mosaicatu
A te invece c'ha sbancatu
te sse so' bellu e 'ngulatu.
E ancora nnè fenìta
mo te lancianu la sfida.

Pare pure che Cornacchia
quattu quattu va a lla macchia
e co' 'n'ara congregazzione
già prepara la tenzone.

Lu tacchinu 'nduttivista
stau a cercà pè mette in lista
e appena gliau trovatu
vau all'attaccu degl'arrabbiatu.
 
Pare che llu grande Elettore
sia solu 'nfanfarrone
mo' che tuttu è sequestratu
solu solu gl'hau lasciatu.

E se pure lu montanaru
che da 'npo masticamaru
ha decisu de mmollà
bè... allora 'nvau più llà.

Pure Cremino decadutu
se reguarda lu passatu
allora cì... basta che voglia
fa lu sardu de lla quaglia.

Tra cornacchia, crapi e polli
mancanu solu li francobolli.
Cocì quissi... zitti zitti
li fau lessi, o li fau fritti?!

Ma non tenete nostalgia
refacemo 'n'allegria
tutti quanti e 'ncompgnia,
'na Magnata e così via.