"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

15 febbraio 2010

Tanto è sempre Carnevale...o no?

"Dopo il 2° museo (per importanza come dice il sindaco) d'arte contemporanea adesso c'è anche il 2° carnevale sempre per importanza dopo quello di Venezia!!! E questi così vogliono cambiare Turania??? Andiamo bene..." (Anonimo, 15 febbraio 2010)

"Tanto è sempre Carnevale per chi non ha le spine dentro il cuore....ma il Carnevale finisce male...(Caterina Caselli)"  e forse finirà ancora peggio se, come dici tu amico Anonimo, è questo il modo in cui si vuole far crescere Turania.
Non andiamo affatto bene, o meglio, andiamo malissimo, perchè si continua a passare da un baccanale all'altro senza che nell'intervallo accada qualcosa di utile e costruttivo. A dire il vero qualcosa è accaduto: finalmente i peteciani, soprattutto se sbronzi, non avranno più nessuna difficoltà a ritrovare le loro case e la famosa imprecazione "te pozzi perde la via"  andrà a farsi benedire. La nuova "orribile" e indispensabile segnaletica viaria (ma non si poteva farla sui muri come una volta!!?) permetterà a tutti di rincasare con maggiore sicurezza, senza l'opprimente timore di sbagliare portone. E anche le migliaia di turisti che "arriveranno" in continuazione, per visitare  il famoso museo civico (in particolare il capolavoro bronzeo raffigurante il frate di Pietralcina) e per gustare il mitico piatto peteciano (le "mazzancolle agli agrumi") potranno farsi tranquillamente un giro per il paese senza rischiare di smarrirsi e ritrovarsi, loro malgrado, alle Remagghiure.
Dopo Carnevale viene la Passione e, forse, la nota devozione dei Governanti, ci  affrancherà da qualche altro baccanale silvestre! Il dramma però, caro amico Anonimo, si ripresenterà dopo la Resurrezione di Cristo, perchè da Pasquetta a S. Donato il tempo è lungo...e sai che marrùni ci rifaremo  la prossima estate, tra orde urlanti di "villeggianti" nostrani, carovane di turisti immaginari, chiassosissimi cinquini, cessi stagionali usa e getta, attestati iettatori, nuove strisce pedonali, chilometri di panchine, dozzine di fontanelle, nuove osterie (magari anche fuori porta), fumerie varie e tante, tante altre impreviste ed imprevedibili amenità per le menti normali dei sudditi!!!
E il Ballo in maschera non finisce qui ....amico Anonimo. E' certo che le menti eccellenti dei pensatori-innovatori (gli uomini del fare, per dirla berlusconianamente) sono tutte impegnate nell'elaborazione del più grande progetto di sviluppo possibile per Turania:  la "Quinquennale del Nulla" che verrà spalmata su tutto il territorio comunale per i restanti quattro anni.
Padre Pio abbi pietà per tutti i poveri peteciani che ogni giorni si genuflettono davanti alla tua statua museale, facci la grazia ...dacci un segno di speranza e, soprattutto, ricorda a qualche Guru dell'opposizione che con l'arrivo della primavera anche gli struzzi (quelli che mettono la testa sotto terra per non vedere) si ri-svegliano e r-incominciano a vivere ...politicamente!!