"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

19 ottobre 2009

Li pesci-ghiallina

Chi ha avutu la fortuna de conosce un cristianu bbonu e simpaticu come Cesaretto da "Trastevere", se recorderà de certu delle famose pescate a llù recintu de lli pesci-ghiallina de Adrianu a San Donatu.  Ve racconto  'naneddotu prechè ci stea presente. Stemmo alla piazza assettati alli scalini de quissi de Chiappasanti a fumacce le giubak (sempre della dispenza dei de rossi) e a parlane de barbi, anguille e squali de fiume. Siccome c'era remastu un postu libberu  s'assettò unu 'ncrvattatu, de cui  oggi me recordo solu la parte finale dellu nome......ucciu. Allora Cesaretto domannò (co llà sua ironia "trasteverina"): "Ma chi sarà mai sto paggetto"?. Quillu, sentita la battuta, respose un po' 'ncazzatu: " So.....ucciu a me a Petecia me conosciu tutti, ma prupriu tutti...pure le mosche". E Cesaretto: "Aò, ma nun sarai mica 'na merda"! 'Mmaggineteve vui quello che potette succede!!!