"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

07 ottobre 2009

Barrozza, bboi e ghiù...che spettacolu!!!

Spero sianu ancora tanti quilli che se recordanu quanno 'nzuppe llà Portecchia sallìa la Barrozza de Mezzanotte (che sia benedittu!). Era careca de barbabietule o de granturcu o de ranu e llà tireanu ddù bboi o ddu vacchè. Oggi li turisti (quilli che già arrivanu dopu li spotti communali) pagherrianu fior de quatrini pe' assiste a 'nu spettacolu come quillu.  Che spettacolu regazzi!!! Nui chiattarelli  lo sapemmo già che versu sera revenìa Agustu co llà Barrozza. Allora ghiemmo tutti a aspettane alla Cava e come alla curva della Croce spunteanu le corna delle bbestie agghiogate comincemmo a sardane pe' llà contentezza e pe llù brividu che 'c'iaspettea all'appettata della Portecchia: la sallita più tosta de Petecia dopu quella della Viapiana. Me recordo come fosse mone che la barrozza se fermea denanzi alla casa de Suntucci pe' fa' repigliane fiatu alli bboi che la tireanu da Pianu e che ggià s'eranu  fatti tre chilometri de sallita.
Poi Agustu, co'  'ncomannu e 'na frustata daèa il via alla coppia  e cocì comincèa l'avventura.
Tutti nui bardasci appressu alla barroza, c'iaspettemmo che non ce la facesse a salline finu 'ncima. Più li bboi tireanu co' tutte le forze che teneanu, più nnui  scommettemmo li ggiocatori de latta (quilli delli formaggini de ciucculata Martesano co llù buciu 'nmezzu, su cui torneremo) che non ce ll'arrìanu fatta a scalane la Portecchia e che se sarrianu scortecati. (Come gli spettatori della corrida sperano  inconsciamente di veder morire il torero, noi speravamo con l'incoscienza giovanile che a perdere fossero i bovini, che cadessero a terra sfiniti e che la barrozza facesse marcia indietro). Alli urdimi 10 metri li bboi rallentavanu cocì tantu che ce sembrea  fosse arrivatu lu mumentu che aspettemmo da anni. Me recordo che un anno puntai 50 giocatori contro 10, che la barrozza non ce l'arria fatta. Pe' fortuna (dico oggi) pèrzi la scommessa e dovetti sganciane tanti lucidissimi mammoccitti de latta. Quanno la bbarrozza aèa giratu la curva della Portecchia, addò s'eranu radunati paricchi cristiani a "gustasse" lu spettacolu, se leggea dallu mezzu sorrisu  de Agustu la soddisfazione dell'impresa reuscita. E tutti grideanu: "ce ll'hau fatta, ce ll'hau fatta"!!











CHE SPETTACOLU CHE VE SETE PERZU!!!!!!!!!!