"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

07 settembre 2009

Mai illudere il popolo!



L'improvvisa scomparsa dei moderni e bellissimi "Vespasiani" ha infastidito non poco la parte più incontinente e debole della popolazione! "Ma prupriu mone che c'emmo abituati allu piacere de falla fori casa e  risparmiane pure un saccu de acqua  che se gl'hau reportati via!! Allora non gl'aeanu missi pe' nnui, ma pe' li villeggianti e llì forastieri. "Te ll'àea dittu iò Francì che non potèa ìne pe' lle longhe tutta 'ssa  Grazzia de Dio! Mo però hoglio fatta 'na pensata che ce poterrià portane pure 'nsaccu de sòrdi. Siccome quissi dellu commune hau fattu tutti quilli spotti in internette, quanno verrau quelle frotte de turistici che issi s'aspettanu e che però mo' non sau più a ddò l'hau da fane, nui gl'affittemo lu gabbinetto de casa e ce guadagnemo sopra. Allora meno male Catarì che gl'iàu levati...certu però che tu si prupriu 'na filibustiera". "Te ll'hoglio sempre dittu Francì, che se nella vita  vo' migliorà, quaccosa te tocca 'mbarà dalli politici. Ma me te tocca dìne prupriu tutto! Chi vane collu cioppu 's'embara a cioppecane, Francì!