"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

01 ottobre 2009

Difficile riconciliazione!

Quissi de Peraforte stau a ffane 'na via che arriva finu allu Ponte della Mola. Pare che se vogliu recogghiogne co llù munnu passenno pe' Petecia. Me sa che ddopu li spotti de llù Reotanu hau capitu che dall'ara parte de llù Riu sta pe' arrivane tanta de quella ggente che poterrìa èsse attratta pure dalla famosa "Vena". Magari solu pe' sperimentane lu vecchiu dittu "Te pozzi fionnà alla Vena"! Quesso, peròne, porta probblemi de confinu,de ggemonia zzonale e, soprattuttu, de concorrenza co' llà Ripa de llù Montò addò so' già previsti tantissimi sardi alla Icaro. Tra ll'are cose, la Vena è più 'mbortante prechè ha vistu più ttanti tentaviti de volo autonomo. Secondo nui quessa è 'na questione che non se llà sfrancanu tantu facirmente...èsso pe' spicciane la matassa ce vòne un brau sensale, un "Líder máximu" prechè quissi de Peraforte, ce llo sau tutti, so prupriu 'ncazzusi e quanno perdu la capoccia non sentu più gnente.
Ma llù ponte della Mola non era statu privatizzatu co' tantu de recintu? E allora quissi mo come passanu?! Me sane che so cazzi amari pe lli governanti de mone, ma deppiùne pe' quilli de prima che non hau vistu o hau fattu finta de non vedè gnente!!