"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

27 settembre 2009

Che Dio ce ne scampi e libberi!

Cara Zia Maria,
sì stata pe' nnui tutti 'na seconda dorcissima mamma e pe' quesso t'ameremo sempre !!!
Pe' llà festa de S. Antonio me facisti vedene 'nattestatu che t'aeanu datu quissi de llù Commune, pe' auguratte"longa vita e salute". 
Te dissi de reportallu subbitu a chi tegl'aea datu prechè, tra quissi, più che ggente de sinistra ci stau tanti"sinistri" (mancini come Seghetta) che portanu tanta sfiga.
Purtroppu, oggi, lo sapìmo tutti com'è ìta a fenìne...!!!

Cara Zia, mo che dde sicuru te troi allu munnu de llì bboni, te chiedo de fane un'urdima opera pia: "Va 'nsognu a tutti quilli che gl'hau auguratu "longa vita e salute" e dilli de reconsegnane subbitu gl'attestati....ma subbitu subbitu...prima che sia troppu tardi.".
Grazie Zia e che  llù Padreterno t'abbia in gloria pure pe' quiss'ùrdimu gestu!!