"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

21 agosto 2009

Ve sse pozza fane la pepita, cocì la smettete de sparlane! -1-

Le solite quattro commari de Sant'Andrea, quelle che sau tuttu de tutti, steanu a ddìne che verso lu lavaturu ce vorrianu fane una de quelle caserme...."Marì aiutame a ddìne?". "Nannì, forse volevi dine laghere per anziani?". "Brava Marì! Solo che a gestillu st'aòta non sarrau li nazisti, ma filibustieri peteciani e collaborazionisti extra-communitari. Speriamo che llu Sindacu nou stia dalla parte delli vecchi sennò, a quilli pori cristi, glie farau un culu come tre ore 'e notte". "Dici bene Nannì...speriamo che llù Sindacu non ceda...speriamo...speriamo. Però, intantu, me sa' che è meglio che preghemo la Madonna del Carmine, che faccia la grazia pe' quilli poveracci". Chi vivrà vedrà!!!