"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

24 agosto 2009

Tra 'na Pappardella all'anatra, ddu' Mazzancolle agli agrumi e un piattu de Fregnacce!


Tratto da: "Trettecate di primavera".

Carissimu Governante,
scusame tantu pe' llù tonu confidenziale ma, oggi, m'emmaggino de stane a pranzu co' Te (..ricordi dellu tempu che ffùne, dice quallecunu! Ricordi de quanno se parlea de Pommitori sfracchiati, Erbette, Patatari, SucchiaApi, ScoppulaCici, Sellari, tutti bboni 'ngredienti della cucina peteciana). Li tempi mò so' cambiati e llù munnu s'è renfrascatu tuttu (dice quallechunaru !). Ma vistu che te preme tantu, (giustamente dice Cornacchia) de mannà a tutti li cittadini della Terra, la "Tua" immaggine de Petecia, me sa’ che sarrìa meglio (mica subbitu però….va bbene pure dopu la "sbronza" estiva, quanno tutti li "villeggianti cittadini" se nne sarrau' reìti alle case loro) se dicissi agli "specialisti"che te "curanu" l'Ufficio stampa, che ci stàne un situ webbe delli Communi d'Italia (te dò tutti li connonati cocìne 'ssi porelluzzi non se straccanu troppo a recercàne: www.comuni-italiani.it/057/071/), addò presentanu pure lu Comune nostru, ma reportanu un saccu de stronzate o, se preferisci, "Fregnacce". Quesse cìne che sso' un piattu petecianu!!! Se poi Te aggrada, ce potemo agghiogne tante specialità quante ne po' conta 'na manocchiara. Le Sagne strasciate, li Frallengozzi, li Vertuti, li Pizzitti fritti co' llo struttu, la Pizza bianca sotto lu coppu co' un cacchittu de saciccia e ddu' brocoletti passati alla padella, la Pizza ranciata co' 'na fetta de spalletta o ventresca, lu Pulentone rescallatu, Cici e Fai alla paletta, gl'Ossu de Preciutto e Facioli alla pignatella, magari ddu cucchiari de Mazzapicu, 'na tazzona de Seru co' llo pane rammollatu, la Panzanella alla peteciana, le Sagnette senz'ova co' llì Sfrizzoli e, volenno, tantu pe' non allongalla, ce potemo agghiogne pure ddu' Ciammellitti, quattro Tisichelle e 'na Meringa, 'na fetta de Pizza dorce co' llù salame, ''na fetta de Pizza mezza dorce co llù preciuttu o la spalletta, na fetta de Crostata fatta colle Prunga dellu Mandulinu o colle Fraule de zia Caterina (quelle che c'iarrobbemmo la notte, da bardasci!). Magari, ce vorrianu pure ddu' Carozzi e quattro Pennoli alla Clerita, 'na magnata de Soleva de Santu Pollu, le Nespule de llù Mandulinu, 'nallisciata de Mèle de Camillu, 'na Pupatta, ddù Sugamelli, un mazzittu de Caciolini (quant'eranu bboni quanno non temenno gnente da magnà!), 'na fricella de Moriche, quattro Mela San Giovanni (prupriu quelle della pianta che facea tantu 'ncazzane lu padrone), ddu' Pizze de caciu de Ernesto (Ernesto, quillu de Peraforte...se non te ne recordi fattello dine dai Tuoi attempati sostenitori....insomma, il tuo enturage o cricca se te sòna meglio: Pretura, Stipendio, Ducetto, lu Grande Sindacu, Francobollo....gl'ari arruzziniti agghiuggniceli Tu....eccetera, eccetera, eccetera - come diceva Gabber in "Quallecunu era communista". Tu tenn'arristi prupriu da recordà de quillu pezzu de Giorgione....o te llù si già scordatu....?!) Comunque, pe' non perde lu filu dellu discursu, quissi so' tutti cibbi "poveri" e genuini che hau fatto cresce quilli che mo' hau più de 'anta. Era lo magnà e llù sapore della "miseria" de quigl'anni. Ma solu 'sse cose pozzu èsse lo vero magnà petecianu!!!! Aru che pappardelle all'anatra, cordicelle piccanti e mazzancolle agli agrumi (con tuttu lu rispettu e gl'apprezzamentu de chi le prepara nelle trattorie o nelle piazze!!!). Basta chiedelo a Ervira, a Maria de Cicchettaru, a Candida, a Pasquina, a Sirvia ecc., ecc., ecc., se hau mmai cucinatu le Mazzancolle agli agrumi o le Pappardelle all'anatra!!!! Sarrìa come a ddine che l'acquatu, l'acetella o la cirpicchia locali correspunnu allu Montepulciano della Saucetta, allu Vermentino delle Crete, allu Verdicchio dellu Coardu e allu Greco de Tufo dellu Vignalittu!!!! A me, pe' dilla papale papale, non me pare 'na cosa credibbile. Cose cocì rròsse come quesse le poteanu fa regge ritte solu dui o trene personaggi Peteciani de 'na 'ota (basta recordasse delle Tegarelle a dicembre, dellù Volga a nòto, de Bricconcello controllore dellù Papa, dello Vinu spillatu alla Terza botte a sinistra, dellù Fugnu tagliatu collù strongoncinu, dellù Porcu che s'era straccatu de magnasse la pasta all'ovo...solu pe' recordanne quallechuna. Ma oggi ce potemo pure agghiogne le Mazzancolle agli agrumi e le Pappardelle all'anatra di Petecia. E magari pure il Brunello di Monta...gliani, vistu che confina co' nnui!!
Scusa se hoglio tergiversatu troppu. Oggi, collù piacere della tavola (..bbone 'ste pappardelle de Sirvio!) non voglio polemizzane co' TTe (ha notatu che le TT di TTe le so' scritte maiuscole? E' un modu esaggeratu de "riverenza" pe' lle Autorità e le Celebbrità... un complesso de Timidezza che me porto appressu da quanno so' nnatu (pare che non sia gnente de grave finu a quanno remane un complesso de pochi elementi. Però, gli Pissicannalisti m'hau dittu pure che se me fosse venutu quillu dell'Onnipotenza, sarria stata 'na cosa troppu più seria prechè, a postu de un Complesso, me sarria retrovata un'Orchestra intera nella capoccia. E co' un'orchesta intera nella capoccia è facile dine e fane un saccu de stronzate. Io me pozzo retenè prupriu fortunatu.....
Repiglemo dalle fesserie reportate da quillu situ Webbe che haemo dittu prima. Pe' aggevolane lu lavoro delli solerti collaboratori e ispiratori, Te faccio gl'elencu delle Fregnacce (quesse addò le mitti stau bbene!) che, pe' "pura convenienza", segnerò co' llù colore rusciu (chi lo sane prechè m'è venutu a mente prupriu lu rusciu? A cunti fatti me sa che sarrìa meglio usanne unu nandicchia più Scoloritu....). Fenimolu subitu 'stu discursu se nno te sse fa troppu tardi agl'appuntamentu co’ quìllu giornalista dellu tarramutu...quìllu collù nome che se rassomiglia a un Rappresentante della Piaggio (quillu che gira sempre collù blocchetto delle fatture in macchina). Come cazzu se chiama non me lo recordo mmai....va bbè, quillu che venne la Vespa....!!
Passemo agl’elencu che è meglio:
- Denominazioni abitanti: turonensi
- Santo patrono: Sant'Andrea
- Festa patronale: 30 novembre
- Reddito medio dichiarato: 17.500 euro
- Indice di vecchiaia (2007): 388,2
- Chiese ed altri edifici religiosi turonensi: ……..
.....eccetera, eccetera, eccetera (sempre come dicèa Gabber)

Mo che c'è repenso meglio, me sa’ che te tocca fa corregge in fretta ste Fregnacce (aridaje) prima che succeda quarche dannu grossu. Pare che la Madonna del Carmine ma, sopratuttu, Sant'Antonio e San Donatu stau 'ncazzati niri e se chiappanu Sant'Andrea lu vogliu rappiccane alla croce a X (te llu recordi l'originale che stea alla chiesa e che facea tanta compagnia a quillu poveracciu de San Felippu Neri, scomparsu nell'ere de llù Nepotismo?. Se dice che pocu tempu fa sia reapparsu a un devoto in estasi, nella zona de Lunghezza! Nessuno però sa’ quello che llù Santu gl'ha dittu davero, prechè lu Pastore Tedesco, dallu Vaticanu, ha secretatu tutte le rivelazziuni compromettenti).
Damme retta sbrigheteve che llù 30 de novembre arriva prestu e non ce vone gnente a retrovavve 'mpreparati a fronteggiane moltitudini de turisti attirati, de certu, dalli spotti pubblicitari dellù Commune e dallu sapore delle mazzancolle e delle pappardelle "peteciane"! Però me sane, che se tutta la Cricca se mettesse a pregane de bbona lena da subbitu, se poterrìa pure repète lu miracolu della Santa Casa de Loreto, co’ llà traslocazione, nella notte tra llù 29 e llù 30 de novembre, dellu Ristorante delle mazzancolle e delle Pappardelle, da località Casa Bianca di Poggio Cinolfo alla collina dellù Colle Bellu Vedè de Petecia, magari pure co' gl'atterraggiu sospisu a mezz’asta!!.

Ce penzi a quello che succederria? Turbe osannanti al grido de "Miracolu, Wunder, Miracle, Wonder, Milagro". E poi tutti in coro: "Sant'Antonio da Petecia ha fattu lu primu miracolu". Pensa che cascherria pure lu mitu che vole lu Nanu Priapicu, gl'unico Untu dallu Signore!!! E tutti lì Peteciani arriànu cocì resortu, per omnia secula seculorum, li loro probblemi!! E llù Calendariu se retroverria co’ un santu in più da caricasse!!!
Mo però ghiamocenne pe' ddavero che s'è fatto prupriu tardi tardi!
Driiiiiiiinn, driiiiiiin, driiiiiiin!!

Perdio, pure stanotte!!! Che brutti sogni che me faccio co llù tarramutu!!
Speriamo che llà fenisce de trettecane, sennò chi lo sàne quanti cazzu de "incubbi" come quistu "me toccherrà fane" ancora!!!!

La vedo prupriu male se s'è attivata pure la faglia delli Monti Reatini!!

(Ogni riferimento a persone, cose e fatti realmente accaduti è puramente casuale.....la dicitura è d'obbligo pe' parasse la culatta!!)