"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

01 settembre 2009

Lu Reòtanu della discordia!!

Preoccupante fermento nei paesi bagnati dal fiume Rio per una presunta appropiazione indebita del Comune di Turania a seguito dello spot, sul secondo corso d'acqua della valle del Turano, presentato su You Tube.
I bellicosi Perafortani contestano aspramente lo spot e rivendicano, con forza e determinazione, la supremazia territoriale sul corso fluviale.
Le ragioni addotte alla protesta sono la maggiore lunghezza lambita dal fiume e la titolarità della spiaggia fluviale più famosa e frequentata della zona: lu Reòtanu (seconda, come da copione, solo alle spiagge romane del Tevere). Luogo di rara bellezza fluviale, ricca di splendidi esemplari di aironi e di piumatissimi ibis del Nilo (entrambi appartenenti alla famiglia dei ciconiiformes), importati da un medico condotto proveniente, alcuni lustri or sono, dal Nord Africa (tale Ananda, che in pochi ricorderanno, eccetto Dollittu per ragioni bancarie) e di una fauna ittica (ghiammari, barbi, anguille e squali di fiume) in via di estinsione, pe' lli tramagli dei mitici Donato e Quinto (gli altri li ometto volontariamente) e pei numerosi allamaggi, dell'altrettanto mitico, Cesaretto da Trastevere (quillu che chiappava li pesci gallina allu recintu de Adrianu a San Donatu!) e, infine, pe' llà cèca e lle bombe messe un po' da tutti!
Dicevamo, appunto, che la spiaggia dellu Reòtanu è stata occupata abusivamente, per decenni, dai "prepotenti" bagnanti peteciani. Allora, come dare torto ai pur riottosi confinanti, costretti a ritagliarsi spazi balneabili, angusti e disagiati, nella parte più impervia del fiume?!
E' llà pura verità! "Minacciose" generazziuni de peteciani (villeggianti compresi) se so' fattu lu bagnu allu Reòtanu. Ce se potèa tuffà e piglià lu sòle, sempre e solu, dalla parte de Peraforte! Ce partemmo dalla Piazza co' 'na corsa tutta in discesa. Lu Monumento, le Pojora, quattro fraule de bosco pe' llà via (quanno se trovavanu, li caciolini pe' merenda), 'na bevuta alla fonte della Canale, una refiatata e 'na pisciata allu casalittu de Ariste e ppoi, de corsa, a tuffasse agl'urecu dellù Reòtanu.
Un'oretta bbona ammollati e po' se resallìa pe' 'na fumata de gruppu, offerta dalla nota ditta "Pommitori sfracchiatu". Chisà se "quissi" se llò recordanu de quante sigarette se so' fumate a sbafu?! E de quanno Sheridan, pe' scroccà 'na sigaretta in più, se facea sparà tre o quattro 'ote sulla spalletta dellù fiume (esecuzione finta pe' davero, mica come quella de Cavaradossi a Castel S. Angelo) e poi cascava a pisu mortu, de trippa, negl'urecu e con tantu de fintu affogamentu. Un vero stuntman Sheridan! Le prove se faceanu sempre a San Franciscu o alla pineta de Carzòli, quanno se facea sega: spissu e volentieri, nonostante la paura del noto Provveditore che facea la spia a Sor Negozzio. E allora daglie a spippacchiane pacchetti di Astor, Stuyvesant, North Pole, Pall Mall e Winston (mai le sigaracce nazzionali, contenevano troppo benzene, secondo il Tenente), nnsemmora alle immancabili comparse che, ancora mone, tengu sempre lu stessu muccu da gregariu ! Sempre due i protagonisti: l'impresario e lo stuntman, ovvero: Pommitoro e il Tenente Sheridan. Versu sera revenemmo dallu Reòtanu stracchi morti ma, prima de reiccene a magnà alle casi, se facèa 'na calata a Lusso (lu stallittu senza ghialline sotto la tracenna della foca...quella dellù Podestà) co llà scusa de fasse 'na partita a briscula. Ma la raggione vera era quella de fasse 'nu stongonginu e n'ara sigaretta a sbafu (mica te potìi fa' vedene de fumà allora!!). Ogni tantu lu Tenente agghiognea nòve comparse, sempre a spese delli Pimmitori. (Mannaggia a mme e quanno me faccio pigliane da ste' storie decantate! Se nno la smesse de retrettecane....)
Torniamo ai Perafortani. Che rancori e rivalità, storicamente mai sopiti, potessero deflagrare, qualche Mente locale avrebbe dovuto almeno immaginarlo e regolarsi di conseguenza. E magari, inviare a Peraforte, e pure a Mentoriu dove nasce lu Riu, una personcina diplomatica e delicata del tipo Ruspa Selvaggia o ex Barrista, per proporre un coinvolgimento spottistico agli aventi diritto. Ma a volte l'onnipotenza gioca brutti scherzi!!! Eppure, era noto a tutti che in più di un'occasione, nel tentativo di riconquistare la padronanza territoriale, i vicini fluviali avevano tentato di infiltrare, nelle liste elettorali Peteciane, alcuni loro concittadini. Gli over 40 ricorderanno il tentativo maldestro di tale Maittòne da Peraforte che, nell'Anno del Signore 1976, falli miseramente nell'impresa. Alcuni dicono, per il tempestivo smascheramento fatto con la prima Cornacchiata: "A Petecia, Peraforte, spera nella bbona sorte ma stia attentu a quello che fàne se non vole rimpatriane".
Un ultimo tentativo di infiltrazione operato recentemente, anch'esso con scarsi risultati, viene attribuito, dalle solite lingue maldicenti, ad un cittadino col doppio passaporto e con un nome che non riesco mai a ricordare, ma molto simile a quello di un grande profeta biblico di Tisbe e di un ministro degli esteri democrista che di nome si chiamava Leopoldo (cerchetevelli vui se prupriu v'enteressa erudivve).
Riflettete prima de partìne in quarta, tantu lu Rìu non se sposta da ddo' sta, a meno che, non repijanu li sbancamenti cominciati nell'era delli Papponi e delle Marchette!!!
Prupriu non vone smette de trettecane....mica se starà pe' finà lu munnu? E chi lo sane!! Ma tantu a Petecia, dopo lu miraculu dellù Colle Bellu Vedè, non ciappò più gnente, mancu lu tarramutu!
Sant'Antonio sia benedittu!!! Dio lo faccia.