"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

13 giugno 1975

L'Eleziuni Peteciane


Anno del Signore 1975
Parole e musica di Cornacchia


Dalli denanzi dalli deretu
lu paese resta arretu
dalli sotto a sti tromboni
c'hanno rotto li coglioni.


Ov’anno l’eleziuni se presentanu ‘ncazzate
se quattro liste hau presentate:
bianchi, rusci, aranciuni e scoloriti,
mancanu virdi e niri ormai arruzziniti.
A Petecia non s’èra mai verificatu
de ìne a vota co’ quattro liste ‘ncapu,
o la politica ha rembambitu tutti
o a llu Commune ci stau bboni preciutti.

Gl’aranciuni ch'hau divorziatu
‘nsemmora a Ducetto
representanu Checchetto
che ancora non s'è stufatu
de esse da tutti criticatu,
pure se issu troppu distrattu (da lu parentatu)
non potèa fa più de quello che ha fattu (le rapi non fau sangue)
Ecco allora che Ducetto,
pe’ riscattane Checchetto,
dice che tantu hau fattu pe’ llu paese tuttu,
che a llu ponte degl’Iccu e a quillu de Toranu
mo' ce passa un carr’armatu sanu,
ma la la gente cattia, maligna e ‘ngrata,
non se nne recorda quanno va alle Prata.
Se nne recordanu cazzu
se ch’au da ine a guazzu!!
Comunque, pure issu
senza più penzane a lla pelle
è in testa a cinque pecorelle (tre caserecce e una recitìa)
poi  pe’ completane la lista
ha sfornatu un Trattorista

Dalli denanzi dalli deretu
lu paese resta arretu
dalli sotto a sti tromboni
c’hanno rotto li coglioni.


Li rusci con sorteggio
te presentanu Lampeggio
e con nova sfumatura
repropongono Pretura
prechè sperano a llu conteggio
de piglasse più de ‘nseggio
e con Berlinguer in testa
già preparanu la festa (Ciammellitti!!)
Ci sta pure lu Maggiore
che sta zittu a tutte l’ore
mentre ancora sor Pietruccio
se repiglia il suo cantuccio.
Pure Sellaru e Varzone
vogliu ìne a llu cantone,
prechè solu lu Dottore
non sa fane gl’assessore
ma pe’ spartì 'na bbona fetta
reservia pure Pajetta.

Dalli denanzi dalli deretu
lu paese resta arretu
dalli sotto a sti tromboni
c’hanno rotto li coglioni.


La diccì con allegria
fa rescuscità Bucìa
che li porterà allo smacco
se è parente ancora a Bacco.
Lu Libberu Docete
lascia lu postu allu Deficiente
mentre Alecche ha sconfinatu
pe’ tornà a llu Vicinatu.
Lu piccolu Dollittu
revorria esse elettu
ma ormai pare 'npupazzu
e se beccherà stu cazzu!!
Poi ci sta lu Palombaru
che tra l’aru è espatriatu
e pe’ revenì alla piazza
s’ha da reportà la Mazza.
Olivetta è indefinitu
prechè s’è rencoglionitu
e da tutti contestatu
se in abbusu ha asatu,
mentre Osse ch’è fascista
da qualifica alla lista.

Sor Negozio dittu e fattu
gl’hau cacciatu co’ llu sfrattu.
Otto pure è revenutu
mo che s’è rengalluzzitu
e Mariucciu proletariu
gl’hau ficcatu a 'stu calvariu.
Pure de Satana ‘ndemoniatu
all’inferno hau domandatu
ma pe’ Caronte va lasciatu
solu co’ Ciarlesse accoppiatu.
Lu sergente Saccoccione
s’è volutu fa trombone
chè da quissi ormai s’aspetta
‘na sistemazione in fretta
(aspetta e spera che già l’ora s’avvicinaaa!!)

Dalli denanzi dalli deretu
lu paese resta arretu
dalli sotto a sti tromboni
c’hanno rotto li coglioni.


Mo rearriva lu Proggettu
che s’aspetta d’esse elettu
ma resurterà scontentu
prechè ha perzu lu Conventu
e gl’aiutu coniugale
non lu sarva da caporale.
A Petecia Peraforte
spera nella bbona sorte
ma stia attentu a quello che fàne
se non vò rimpatriane,
mentre lu Collocagente
a ‘stu paese non conta gnente
se in Abbruzzu s’è rertiratu
a parlà da delegatu.

Lu grande Miliardariu (co lli sordi de Carzoli)
vorria esse proprietariu
ma Cimentu non lu sente
prechè conta quantu e gnente.
Francobollo assai sospetto
farà gioco a zio Ducetto
mentre in Sant'Antonio abate
Esce penza alle sfilate
delle bestie somarine
che de issu so meno cretine.
Ci sta pure Tracagnotto
che da poru sempriciotto
è convintu d’esse elettu,
…porelluzzu è muratore
non po’ fane l’assessore!

Dalli denanzi dalli deretu
lu paese resta arretu
dalli sotto a sti tromboni
c’hanno rotto li coglioni.


Lu Pacchione resuscitatu
pe’ ddù voti gl’hau pigliatu
mentre invece a Viapiana
gl’hau promessa la befana.
Ecco pure lu Barrista
che pe’ l’Eca entra in lista,
spartirebbe la sovvenzione
co' lla sua Congregazione.
S’è ‘ncazzatu lo Scorzaru
che è sempre più somaru
s'ha ’nventata la ripicca (castagne puzze)
pe’ lascià la vecchia cricca
e Tigrotto è presto detto
te rinnega il vecchio ghetto.

L’Impresariu elettricista
non llu vo' nessuna lista
e Duetto c’ha ‘nfrociuatu
tutti quanti gl’hau scartatu.
Lu nepote de llu prelatu
a lla provincia è candidatu
- pare sia pe’ ‘na ripiccà –
cazzu…fosse mica Pietro Micca!?
E’ un peccatu….s’arria reuscitu
se San Felippu non fosse sparitu.
Li fascisti hau fenitu
se Pescolla è ‘mbizzarritu!!

Addio Petecia amata
so’ quissi che t’hau fregata
finirai co’ bbona sorte
‘na frazione a Peraforte
e alla fine de ‘stu supplizziu
ce verrà lu Prefettizziu.

Dalli denanzi dalli deretu
lu paese resta arretu
dalli sotto a sti tromboni
c’hanno rotto li coglioni.