"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

19 marzo 1977

Cornacchiata Pasquale


Anno del Signore 1977
(Parole e musica di Cornacchia)


Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


Pure ov’anno la Pasqua del Signore
se festeggia co’ llù criminal monocolore:
lu governo de Andreotti
li coglioni ce gl’ha rutti
e l’austerità non tène
se llù popolo già freme
 (ritornello).

Apri Cornacchia, lengua mardicente,
gl’ovu de ‘sta Pasqua in carestia,
rengrazia tutta quella gente
che te presta attenzione e simpatia,
mostra a llù Popolo bbona cera
dalli de finu a primavera……
A sentì ‘sta pora gente,
caru Dollittu, so cazzi de gnente
e se sbaglierai le mosse
tessen’gula pure Osse
(ritornello)

Lu giornu de Pasquetta peteciana
arria da vedène tutti contenti,
contentu lu Pappa e la Puttana,
lu Poerellu e llì Potenti,
lu Sacrestanu e llu Smadonnatore,
lu Gendarme e llu Malfattore
cocì pure lu Palommaru
nemicu de Cornacchia lu cantachiaru.

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


“Cristo Gesù!! Fa venì dall’acque calle
acqua tanta pure a balle
cocì Bibi e la Baldracca
se lla sciacquanu la patacca
e co’ esse le villeggianti
co' lle fregne puzzolenti
e se poi la notte è scura
smorza Satana ‘ncalura.
Le tasse nella giunta communale,
pure se pare tuttu regolare,
le fau ddu aseni e un somaru,
parola de Cornacchia lu cantachiaru.
V’ène arrivata la stangata,
che de certu è ‘na bogliata,
li Trombuni hai sarvutu
solamente lu parentatu!!

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


Mammamea che opposizione
che t’è s’amministrazione,
tutti sitti all’occasione
pe’ llù giocu de llù Pappone.
“Asa le mani tu, moriscannatu,
pure s’aemo combinatu,
denanzi a llù popolo fregnone
devi dine che approvi la mozzione”
Approvane fa fagotto
e llù Proggettu passa sotto.
C’iaete capitu prupriu pocu
so Scoloriti solu quanno glie fa ggiocu!!

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


Li rusci alla Viapiana
hau cambiata la Campana
e a llù posto e llù Romanu
c’hau schiaffatu ‘npetecianu
e Berlinguer se ne strafotte
se llì studenti dau le botte,
ma llà giornata ‘nzemmorra a Lama
non gl'ha datu certu fama,
ma secure ‘ndoliture…
e sospetti de fratture.
La nova segreteria
non ze sà se piglia il via,
pe’ compete co’ Dolletto
Sellaru è troppu giovinetto
e ancora assai retorico
pe’ llù Compromesso Storico

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


La Diccì con fesseria
fa parlà sempre Bucìa,
che ar commune vole ine
solamente pe’ drincàne
e gl’aiuta o non di gnente
quillu poru Deficiente.
Li ddue incolti Direttori
nel conziglio non c’han cori,
prima o poi pe’ compassione
glie darau l’opposizione.
Alecchittu ha ben giocatu
se a Tivoli è avvicinatu
e Mariucciu non se sane
a llù Commune che va a ffàne!!

Osse “par” non sia trombone
ma de certu c’ha il poncone
che se gratta fortemente
preché dicu che glie ‘ncenne.
Ma la cosa più azzeccata
è la coppia ‘ndemoniata,
preché Satana e Ciarlesse
le mantengu le promesse:
capitozzi e gran raschiate,
e voi ‘nculu ve lla pigliate

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


Gli aranciuni non se sàne
quaissi pesci hau da pigliane,
dopu la retrocessione
se nne stau a llù cantone
e aspettanu co' malinconia
che se faccia l’Alternativa.
“Sì sicuru sor Ducetto
de refatte co’ Duetto?
Forse non t’hau recordatu
che ‘na ota ha già ‘nfrociatu
e che delle pecorelle
è remasta solu la pelle
“Cari amici so’ llù Fognariu
che se magna santi e cibboriu,
ve lo dico pe’ sarvamme la pelle
giranu troppe bustarelle,
se li tombini sono bui
è che c’è de mezzu Gui,
se vè scadente lu depuratore
è che vòle pure Rumore
e se vòi smove li passi
tocca dane pure a Tanassi” .
Attenti…che llù popolo fa prestu
co’ lla legge de llù capestru!!

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


Lu lavuru degl’ossariu,
lu fa Ducetto l’impresariu,
lu Villaggiu verrà finu
se ci sta' ‘nmezzu gl’Arrotinu
ma lli morti a llù tombinu
se ‘mbriacanu de vinu.
Fa in modo sor Ducetto
de no' rrovinà il contesto,
fa che sappia lu visitore
chi era povero e chi Trombone…
Non sprecà lu cacinacciu
pe’ chi more poveracciu,
co’ llù risparmio de lu mattone
dà un bon’ovo a llù Trombone
e se tiri a llò cimentu
dallu a tuttu lu conventu;
lo sau tutti che llù demosocialista
co’ llà mazzetta t'amministra

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


Gl’ Arrobbasanti accattone
mo fa pure lu strillone,
dagl’ardale sempre dice:
“Figlio leggi l’Avvenire,
compra pure con certezza
la futura tua sarvezza,
l’indurgenze sarrau tante
se lle pachi co’ llù contante
e se dane tantu de più
fa contentu pure Gesù”
(e tu avrai la sicurezza
de allargatte pe’ Lunghezza!!)
Nun te sì ancora sazziatu
co llà chiesa c'hai spogliatu!?
Ma la gente se ll'è scrittu
- pagherai pe’ San Felippu -
e pe’ ttene so’ cazzi seri
se non revè Felippu Neri!!!

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


Dalli allora petecianu
dalli sotto a llù Sacrestanu,
devi fa reaprì l’inchiesta
pe’ Felippu e pe’ Lunghezza.
Ma non basta l’Accattone
dalli pure a llù Trombone
caccia co llu Sacrestanu
lu Galoppinu democristianu,
prechè ‘nsemmora so ll’unione
de Communio e Libberazzione:
una banda de sgovernanti
a llù servizio de llì potenti.

La “Storiella del paese”
è la storia delle chiese,
de  borghesi e parentatu
che a llù paese gnente hau datu
Che gliene frega a llù popolino
de llù General fantino?!
Figliu illustre de llù paese (dici tune!!)
ma pe’ llù popolo filibustiere
A compretà 'stu minestrone
ci sta pure l’introduzzione,
che figura sor Docente
che ha refatta co llà gente,
non te perdi 'n’occasione
pe’ mostratte più coglione

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.


Sor Negozio già scappatu
gl’hau appena repescatu
ma non conta 'ssa conquista
se Duettò è ìtu a sinistra
e già conta de fa' lu bumme
co’ gl'otto Referdumme.
Non sarà che a falla bella
"provi lu culu" de Pannella
o che vane all’Argentina
pe’ ffàne l’extra scopatina?!
Ma de certu li bolluri
prima o poi verrau “Fuori”

Par che gl’asenu Marino
nella scola sia scopino…
Come ha fattu “bel” Seghetta
a piglià ‘ssu postu 'nfretta?
Se lu Dolli cuginetto
a Marfatti gnente ha detto,
sarà lu potere de llù genitore
anni fa provveditore.

Mammamea che bella cricca
lu Scorzaru, gl’Autista e llù Barrista!!
Hau trovata l’occasione
pe’ ‘na bbona cooperazzione
ma pe’ ffane buon zucchino
ce volea lu Fattorino,
ma se diciu ch’è terrone
non po’ esse un Milordone,
è già troppu lu dollarone
che regala lu Carrozzone!!
Contenti vui contenti tutti
ma l’Acotralle è piena de buffi;
non so’ da lor signor creduto?
Non me ne frega 'ncazzu e ve saluto.
Bbona Pasqua al Popolo caro
che è vicinu a llu Cantachiaro!!

Dalli denanzi dalli deretu lu Paese resta arretu,
dalli sotto a ‘sti tromboni che hanno rotto li coglioni.
Diglielo unito, diglielo ‘nfaccia
co llì stornelli de Cornacchia.